Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Istituto Professionale Manutenzione e assistenza tecnica - MAT

Codicemeccanografico: CORI00301V
Responsabile settore: prof. Vito Angileri

   

Il diplomato dell'area professionale intende proporsi come riferimento formativo per la Provincia di Como nel campo elettrico ed elettronico.

II percorso quinquennale di studi permette di acquisire le conoscenze e competenze necessarie al fine di gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione, riparazione, collaudo e manutenzione di impianti tecnici nel campo elettrico ed elettronico.

Se vuoi conoscere meglio le caratteristiche di questo corso, vedi il profilo dettagliato.

Il diplomato nell’indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica possiede competenze per gestire ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo di sistemi, impianti e apparati tecnici,.

Le competenze di indirizzo si riferiscono alle varie filiere dei settori produttivi (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica etc.) e vengono poi sviluppate ed integrate in relazione alle esigenze proprie del mondo produttivo e lavorativo del territorio.

Il percorso formativo mira anche a sostenere le diverse filiere produttive nella fase post commercializzazione in rapporto all’uso e alle funzionalità dei sistemi tecnici e tecnologici.

Il manutentore, autonomo o dipendente, svolge interventi tecnici a servizio dell’utente in relazione alla complessità dei dispositivi tecnologici industriali e commerciali che, progettati per un’utilizzazione sempre più amichevole e facilitata, richiedono di converso interventi specialistici non comuni per la messa a punto, la manutenzione ordinaria, la riparazione e la dismissione dei sistemi di interesse.

Il ciclo produttivo dei diversi manufatti comporta un nuova offerta nei servizi di manutenzione e di assistenza tecnica di tipo decentrato, in grado di assistere i clienti laddove essi si trovino e di assicurare, immediatamente e a lungo, l’efficienza dei dispositivi mediante interventi efficaci sotto i molteplici profili dell’economia, della sicurezza personale e della salvaguardia dell’ambiente.

La preparazione tecnica dei diplomati è approfondita ed estesa: approfondita rispetto alla struttura funzionale dei dispositivi oggetto di intervento manutentivo ed estesa rispetto alla grande quantità di tipologie di tali apparati e sistemi.

Coerentemente con gli interventi professionali richiesti sul campo del lavoro, l’approccio allo studio è di tipo sistemico, incentrato su metodologie di problem solving, con l’assunzione di atteggiamenti operativi e anche disciplinati da norme tecniche, giuridiche e da procedure protocollate.

Oltre ad una preparazione tecnica e tecnologica, l’etica della manutenzione comporta una cultura giuridica ed economica sufficiente per sostenere il diplomato nel continuo aggiornamento sulle normative tecniche e giuridiche relative ai rispettivi settori, sui temi della sicurezza dei dispositivi, del risparmio energetico e dei danni prodotti dall’inquinamento dovuto all’uso ed abuso dei prodotti tecnologici e allo smaltimento dei rifiuti e dei dispositivi dismessi.

L’impostazione curricolare del primo biennio consente allo studente di acquisire, oltre alle competenze chiave di cittadinanza relative all’obbligo di istruzione, le abilità e conoscenze fondamentali della filiera specifica di settore, soprattutto attraverso una articolata didattica laboratoriale che favorisce anche l’orientamento verso la prosecuzione negli studi di indirizzo.

Accanto agli insegnamenti dell’area generale comuni a tutti gli indirizzi di settore, lo studente affronta anche alcune discipline di snodo obbligatorie che, per il primo biennio, sono Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica, Scienze integrate (fisica e chimica), Tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Tali discipline nella progettazione didattica diventano complementari costituendo di fatto il nucleo metodologico degli apprendimenti di indirizzo che vengono poi gradualmente introdotti con la disciplina Laboratori tecnologici ed esercitazioni, in cui le attività laboratoriali hanno funzioni prevalentemente orientative.

Se vuoi saperne di più, puoi consultare le linee guida del Ministero relative alla nuova Istruzione professionale, che comprendono anche le schede tecniche per tutte le discipline.

AllegatoDimensione
PDF icon Quadro orario206.62 KB

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.67 del 08/05/2019 agg.11/05/2019